IL DENARO COME FORMA DI CONTROLLO, CONSUMO E IGNORANZA!!! “ABBANDONATELO”

VIDEO CHE SPIEGA BENISSIMO LA SITUAZIONE DEI SOLDI CON LA REALTA’ DI TUTTI I GIORNI di Mason Massy James!

In apertura a sto video bellissimo fatto da Mason Massy James che invito a seguire perchè è veramente in gamba, vi pongo una domanda: siete favorevoli a questo sistema al capitale che chi più ha deve, vendere, mandare, uccidere e fottere il prossimo se no non vive dignitosamente o non viene rispettato dalle solite elite a scapito della sicurezza impostata e data in pasto all’opinione pubblica, come fosse normale senza sapere i giri/finanziamenti che si fanno sotto le sottane e tutto per un finto controllo appunto al capitale e dalla fluidità e origine del fattore denaro!?

Direttive della UE dicono che: “L’obiettivo ufficiale è quello di «migliorare il livello di informazione e di protezione dei consumatori», si legge sul sito dell’Ue. In effetti, nelle 46 pagine del documento ci sono parecchi articoli che dovrebbero renderci la vita più facile. Per esempio, sulle etichette dei cibi non troveremo più la scritta “sodio” ma il più comprensibile “sale”. Oppure – altro esempio – dovranno esserci informazioni più chiare sulle sostanze a cui i consumatori possono essere allergici, dal glutine alle uova. Gli esperti concordano: ci sarà finalmente più trasparenza sugli ingredienti e regole uguali per tutti. Peccato solo che non sarà più garantita la conoscenza dello stabilimento di produzione. Un’informazione che in Italia, finora, è stato obbligatorio indicare: lo prevede la legge 109 del 1992. Con il nuovo regolamento europeo la norma nazionale decadrà. E scrivere sull’etichetta il luogo in cui è stato lavorato l’alimento diventerà facoltativo. «È un regalo alle multinazionali, che potranno così spostare le produzioni in Paesi dove la manodopera costa meno senza che il consumatore se ne accorga», sostiene Dario Dongo, avvocato esperto di diritto alimentare. Nel PDF all’art. 26 punto 5-6-8 si definisce che il 13 dicembre 2013-2014 segue l’Unione Europea qualunque misura adottata nell’ambito della normativa in materia di informazioni sugli alimenti che sia suscettibile di avere un impatto sulla salute pubblica è adottata previa consultazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Art. 5 Consultazione dell’Autorità europea per la sicurezza
alimentare).

Sparisce l'origine del cibo dalle etichette  Ce lo impone l'Unione europea

RISCHI PER IL MADE IN ITALY
La questione suscita i malumori di parecchie imprese nostrane. Alla Sterilgarda, 280 dipendenti, tra i maggiori produttori di latte in Italia, la paura è di perdere quote di esportazioni. Ferdinando Sarzi, titolare dell’azienda mantovana, dice di essere appena tornato da un viaggio di lavoro negli Stati Uniti: «Lì il made in Italy continua ad andare fortissimo, ma adesso che non sarà più obbligatorio indicare lo stabilimento di produzione qualcuno, per esempio chi ha sede legale da noi ma fabbriche all’estero, potrebbe approfittarne per vendere come italiano ciò che in realtà viene lavorato fuori». Insomma, le nuove regole potrebbero agevolare i prodotti “italian sounding”, quelli che attraverso nomi o simboli stampati sulla confezione rimandano a una presunta italianità. Un fenomeno che, secondo le ultime stime del governo, vale già oggi circa 55 miliardi di euro, quasi il doppio delle esportazioni alimentari nostrane.

FONTE – Sparisce l’origine del cibo dalle etichette

 

VIDEO:

CON L’EURO ABBIAMO DOVUTO IMPOVERIRVI – Ora lo dice anche Draghi

Prendiamo un’altra strada dentro questo enturage di nefandezze  e andiamo a prendere come strumento l’ONLUS ed i suoi meccanismi sotterranei

Giunge notizia dell’ennesimo rapimento di due volontarie italiane dell’ennesima ONLUS (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) che opera in una zona di guerra. Come al solito, dalle agenzie di stampa di regime, pochi interrogativi si levano su chi abbia il controllo di questa onlus, su chi la sovvenzioni economicamente e soprattutto su chi e perché abbia avuto l’imprudenza di inviare due ragazzine in una zona di guerra tra le più pericolose al mondo!

Ora, nella migliore delle ipotesi, si attiveranno i servizi segreti italiani per pagare il solito lautissimo riscatto al califfo locale (con i soldi dei contribuenti) che servirà per comprare armi, droga e chissà per quali altre nequizie. La diffusione indiscriminata delle Onlus appare come un fenomeno pianificato in modo poco trasparente che si avvale dell’opera di stuoli di ingenui bravi ragazzi che, aderendo ad esse, immaginano di fare del bene a qualcuno.

Da un’intervista del Corriere della Sera al coordinatore di questa strampalata Onlus (dal nome – ‘Horryaty’ – che, curiosamente, sembra quasi un anagramma del ROTARY, nota conventicola para-massonica) Roberto Andervill, 47 anni di professione‘fabbro’:

«Certo, non siamo entrati da soli. Ci ha aiutato un gruppo di persone conosciute prima di partire, persone fidate. Abbiamo anche lavorato con altre associazioni italiane come We are Onlus e Rose di Damasco. (…) Abbiamo iniziato a raccogliere denaro per comprare materiale medico e beni di prima necessità in Turchia. (…) non doveva succedere quello che è successo. Ma sono sicuro che riprenderemo il nostro lavoro, tutti e tre insieme, molto presto».

Agli italiani sarebbe utile conoscere:

1) da chi prendevano i soldi il fabbro quarantasettenne e le due studentesse ventenni per organizzare viaggi e procedere agli acquisti di materiale medico?

2) Chi sono le persone fidate che li hanno aiutati?

3) Da chi sono stati autorizzati per operare in un teatro di guerra così pericoloso come quello siriano … in tre!?

4) Perché abbiano scelto la Siria e non altre zone del pianeta parimenti bisognose ma magari meno pericolose?

5) Da chi sono gestiti o comunque mal consigliati?

6) Come mai che si occupavano di aiuti medici non essendo né medici né infermieri?!?

Da decenni sulle ONLUS (si legga questo articolo di Repubblica) aleggiano sospetti di connivenza ad alti livelli con i servizi segreti sovranazionali e dedizioni singolari per traffici di uomini e denaro, quantomeno poco trasparenti. Le ONLUS sono quindi una scatola chiusa per l’opinione pubblica che ne sente parlare solo quando rapiscono i loro volontari ignari.

Chi le organizza? Chi le finanzia? Chi le coordina? Come e da chi vengono gestite? Mistero …

FONTE DIRETTA CORRIERE DELLA SERA

 

A FRONTE DI CIO’, DOPO STO SCEMPIO DI ORGANIZZAZIONE  DETTA ONLUS CHE NON ADEMPIE AL PROPRIO OPERATO PER QUEL CHE  STATA CREATA, PASSIAMO A COSE PIU’ SERIE RIGUARDANTI IL NOSTRO BEL PAESE DELLE BANANE MARCE E SENZA PIU’ SCAMPO.

Dalla lettura del libro di Gioele MagaldiMassoni, la Scoperta delle UR-Lodges’ è possibile comprendere quali siano le cause e le persone che hanno condotto il nostro paese nello stato pietoso in cui versiamo. Collegando tra di loro alcuni episodi tragici del nostro recentissimo passato, come cinque dei tanti omicidi eccellenti, è facile rendersi conto dell’intento di annichilire il nostro paese, rendendolo docile e sottomesso con il medesimo modus operandi da sempre sotteso alla nostra storia contemporanea:

1) Enrico Mattei, che voleva far entrare l’Italia nel novero delle grandi potenze mondiali.

2) Aldo Moro, che avrebbe consentito di avere un governo duraturo e stabile seppur composto dai soliti noti.

3) Giovanni Falcone, che aveva scoperto chi teneva l’Italia in pugno e come lo faceva, svolazzando tra il lecito e l’illecito e tradendo la Patria.

4) Giuseppe Borsellino, vedi il punto 3.

5) Pier Paolo Pasolini, che aveva compreso tutto e tutto ha svelato, anni prima.

Solo immaginando una linea rosso sangue che collega tali eventi è possibile comprendere perché l’Italia sia oggetto delle peggiori attenzioni malevoli di una casta sovranazionale che conta inoltre nelle sue fila numerosi kapò nazionali, inseriti sovente nei vertici delle istituzioni del nostro paese. E’ possibile definire quindi tali elementi con il loro corretto nome: traditori della Patria.

L’obiettivo delle conventicole occulte è sempre e comunque il tradimento di qualcuno, anche solo della fiducia altrui. Occorre rammentare però che l’Italia è essa stessa un palese edificio massonico (con tanto di simbolo del ‘pentalfa’ a rappresentarla) basato sugli stessi voleri che oggi vogliono deindustrializzarla ed annichilirla. Come se ne esce da questo cortocircuito?

Magaldi ci aiuta a capire le dinamiche intestine delle varie Ur-Lodges alcune delle quali, quelle più progressiste, appaiono in questo periodo storico perdenti. Ci fornisce anche le giuste chiavi di lettura esoteriche e spirituali degli accadimenti storici seppure, a mio parere, solo parzialmente.

Ogni entità giuridica segue un progetto assegnatole. Se in Italia la Magistratura non deve funzionare, essa non funzionerà. Se i Governi devono durare al massimo un paio d’anni, essi saranno temporanei, e così via. L’agenda di riconfigurazione sociale procede comunque ad imporre i propri voleri non curandosi di chi sia l’esecutore. Se alcune personalità provocano fastidi, esse vengono eliminate senza tanti scrupoli, a memento di altri personaggi che abbiano in mente azioni non consone al progetto finale.

Occorre ricordare come, pochi anni orsono, le elite polacche siano state eliminate tutte in un solo giorno, provocando nei suoli russi un falso disastro aereo (aereo all’interno del quale vi erano solo 4 membri dell’equipaggio). Un vero colpo di stato sanguinoso si è quindi prodotto nella avanzatissima e democratica Unione Europea, senza che nessuno abbia avuto il coraggio di denunciarlo.

Ecco che fine fanno coloro che hanno intenzione di modificare l’agenda di assoggettamento dei popoli, in atto da secoli a questa parte, che sta vivendo la sua fase terminale, senza intoppi e senza che la massa si sia accorta di nulla o quasi.

FONTE

VIDEO CHE METTE A NUDO TUTTO QUELLO CHE E’ CONSUMISMO-RIFORMISMO-OMOLOGAZIONE DI QUESTO SQUALLIDO MONDO FATTO SOLO DE DENARI

MASON MASSY JAMES – IDIOZIA VENDESI

Il governo intende ridurre la soglia massima di pagamento in contanti, attualmente posta a 1.000 euro.”Questo è un punto su cui l’Italia resta indietro ed è un punto su cui vogliamo intervenire”, ha detto il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, durante un’audizione in Parlamento sulla legge di Stabilità.

Ridurre o eliminare del tutto l’utilizzo del denaro contante nelle pratiche commerciali, implicherebbe che chi ha uno stipendio, ad esempio, dovrà riceverlo obbligatoriamente in banca. Così come ogni sostanza contante di cui si dispone, dovrà essere depositata in banca, e da lì spesa attraverso la moneta elettronica.

Il perché è chiaro: per rendere solvibile il debitore non c’è via più semplice che quella di compensare debiti del debitore con i crediti del creditore. E il gioco è fatto!

PER CHIUDERE IN BELLEZZA, PER CHI ANCORA NON LO HA VISTO O SENTITO, IL DISCORSO DELLA RETE 2014 FATTO DA CLAUDIO MASSORA:

Il Discorso della Rete 2014 – Quest’anno l’avete scritto voi #discorsodellarete2014

 

Precedente TRANSUMANESIMO - ISTRUZIONE E CONTROLLO GLOBALE - BUSINESS (tutto quello che si deve sapere)! Successivo ANARCHIA COME METODO UNITARIO E SOCIALE PER LA VITA SULLA TERRA: no a monarchie, stati totalitari e dittature di vario profilo legale portato al profitto!!!!